Milan, è ora di trasformare la “fatal Verona” in una magica vittoria

Benetazzo

Ripartire da dove si era interrotto.

Il Milan questo pomeriggio in casa dell’Hellas Verona dovrà e vorrà cercare una vittoria per continuare da dove aveva finito prima della sosta per le nazionali; i tre punti conquistati contro il Chievo avevano rappresentato molto dopo i due pareggi esterni contro Empoli e Cesena ma soprattutto la buona notizia era stata non aver preso reti per la prima volta in questa stagione.

Lo spirito poi che i giocatori mettono in campo è quello richiesto da Mister Inzaghi ed è un aspetto che i tifosi apprezzano; fino ad ora i rossoneri hanno peccato in alcuni aspetti dentro il rettangolo di gioco – cosa normalissima per una squadra nuova che deve trovare i giusti automatismi – ma la maglia è sempre uscita dal campo sudata, segno che nessuno si è mai tirato indietro.

Continuando così quindi i risultati arriveranno, certo ci vuole pazienza e non bisogna continuamente criticare allenatore, società o giocatori per qualche errore o per prese di posizione; con un pizzico di fiducia e lasciando lavorare tutti quanti con tranquillità la stagione potrà essere molto buona, come effettivamente è stato fino a questo momento.

Occorre come detto soltanto registrare alcuni movimenti e blindare la difesa dato che questa è una squadra costruita per segnare tanto e tendenzialmente almeno un gol a partita lo mette sempre a segno; sistemando il reparto arretrato il Milan potrà passare un anno molto buono e ritornare in Champions League dalla porta principale.

Juve e Roma sono nettamente più forte, anche se nella gara contro i bianconeri tutta questa differenza non si è vista, ma alle loro spalle questo Milan può tranquillamente lottare per il terzo posto, visto anche il livello e le difficoltà fin qui mostrate da altri squadroni.

Altra notizia positiva, poi, che regala la trasferta di Verona è la totale disponibilità di tutti i giocatori della rosa; rimane fermo ai box il solo Montolivo mentre tutti gli altri sono ampiamente recuperati e papabili di un posto tra i titolari piuttosto che da subentrati.

Sarà una partita difficile, l’Hellas attaccherà molto ma concederà anche molto, motivo per il quale si potrà cercare di ripartire in contropiede o, comunque, in velocità per sorprenderli e impensierirli.

Con un briciolo di fortuna in più e un pochino più d’attenzione il Milan può tornare da Verona con il sorriso sulle labbra, lasciandosi alle spalle quella che per molto tempo e per molti tifosi storici è da sempre definita la “fatal Verona”.

RIPRODUZIONE RISERVATA. 

393 Visite totali, 1 visite odierne

Commenti

commenti