Le pagelle di Milan-Pescara: Basta il gol di Bonaventura, ma quanta sofferenza!

z_bonaventura

Il Milan di Montella supera con il minimo sforzo il Pescara dell’ex Massimo Oddo, che dimostra di essere un tecnico più che preparato. Oggi il buon Oddo ha data lezioni di tattica al più quotato Vincenzo, ma come spesso succede nel calcio, si vince grazie ai solisti.

Donnarumma 7,5: Il giovane portiere anche oggi si conferma su dei livelli di eccellenza assoluta, comanda  la difesa con il carisma di un veterano ed anche oggi compie un paio di interventi da protagonista assoluto.

Abate 6: Il capitano rossonero si è limitato ad un lavoro di contenimento, quando è salito sul fondo ha creato un pericolo, ma il suo passaggio finale sarebbe meglio dimenticarlo

Gustavo Gomez 6,5: Il difensore paraguaiano è grezzo, ma ha una grande personalità e dopo pochi minuti di gioco inizia a comandare a “bacchetta” i propri compagni di reparto, è vero, la definizione di grezzo si riferisce al fatto che spesso sbaglia dei movimenti banali, ma ci sono sicuramente dei margini di miglioramento

Romagnoli 6,5: Anche oggi, qualora ce ne fosse ancora bisogno, dimostra di aver bisogno di un compagno che lo comandi e che gli impresti quella personalità che stenta ad arrivare, infatti oggi il “Paletta di turno” è Gustavo Gomez

De Sciglio 6: Vale il discorso che si è fatto per Abate, partita scolastica e di contenimento, dal terzino della Nazionale italiana ci si aspetta sempre qualcosa in più soprattutto in fase propositiva

Sosa 6: Prestazione che onestamente è difficile da decifrare, l’argentino alterna delle buone giocate a pause imbarazzanti. Dimostra di avere piedi buoni, ma spesso la sua velocità di pensiero è troppo lenta. Una cosa è certa, gli servirebbe un po’ di continuità prima di bocciarlo definitivamente.

Kucka 6: Entra e crea la giusta confusione in mezzo al campo, come al solito è bravissimo nel giocare senza palla, quando invece l’ha in mezzo ai piedi forse abbassa un po’ troppo la testa.

Locatelli 6,5: Gioca in maniera più che sufficiente, realizza anche un paio di ottime giocate in mezzo al campo ed inizia ad essere una certezza per la squadra di Montella. Con Pasalic compie dei buoni fraseggi.

Bonaventura 7: E’ il solito giocatore fumoso, ma spesso dentro a tanto fumo c’è anche qualche fetta di buon arrosto. Per questo Milan è indispensabile ed oggi lo dimostra ancora una volta. Una domanda c’è da farsela, lui è il giocatore da confermare per il futuro su cui ricostruire la squadra od i rossoneri dovrebbero pensare ad altro? In ogni caso la sua prestazione merita mezzo voto in più per il gol realizzato

Suso 6,5: Lampi di classe, quando accende la miccia diventa incontenibile, continua a non giocare per 90’ e quando ci riuscirà diventerà determinante.

Bacca 5,5: Al contrario di altre volte il colombiano è apparso in tutte le azioni importanti, si dimostra mobile su tutto il fronte d’attacco, ma purtroppo, rispetto ad altre volte, anziché fare gol come al solito, i suoi tiri si infrangono contro il palo. Forse, sarebbe meglio, se tornasse a correre meno ed a fare gol, che poi è la cosa che meglio gli riesce

Luiz Adriano s.v.: Entra nel finale e non incide

Niang 5,5: Colpisce un clamoroso palo, ma rimane un giocatore che crea scompiglio nel bene e nel male. Ogni tanto il suo modo di giocare risulta determinante, ogni tanto una sciagura. Oggi la sua prestazione non è stata del tutto positiva

Pasalic 6,5: Il capitano dell’under 21 croata entra molto bene, subito in partita e con il giovane Locatelli danno vita a buoni fraseggi. Ora bisognerà dargli la continuità, magari al posto di Kucka…Nel finale tenta anche qualche giocata di qualità assoluta

Allenatore Montella 6: Porta a casa i tre punti e questo è un dato di fatto, ma è abbastanza evidente che il duello a distanza con Oddo lo perde, infatti il suo Milan troppe volte va in sofferenza, ma è anche vero che questa qualità piace al pubblico rossonero

RIPRODUZIONE RISERVATA

FOTO ZIMBIO.COM

5,046 Visite totali, 1 visite odierne

Commenti

commenti