Milan: quando si hanno le idee chiare

Roberto Crema

Mr Pippo Inzaghi in 23 partite ha schierato 23 formazioni diverse, dimostrando di non avere ancora trovato la squadra più convincente da riconfermare.

Andiamo per ordine:

1) in porta non ci dovrebbero essere dubbi, Lopez la spunta su Abbiati;

2) in difesa scartando gli inguardabili Zapata, Armero,Bonera, Mexes,rimangono Zaccardo,  Rami; Alex, Antonelli, De Sciglio, Bocchetti e Paletta, tolti gli infortunati i più affidabili sono Rami, Bocchetti, Antonelli, Alex o Paletta, a voi scegliere il migliore;

3) a centro campo regna il caos; indegni da Milan sono sicuramente Essien e Muntari menter Van Ginkel e Suso sono degli oggetti misteriosi, gli altri sono poca cosa o altalenanti; Poli bravino, De Jong si trascina in campo, Montolivo eterno lumacone, Honda e Cerci dei doppioni, l’unico che si salva è Bonaventura, sicuramente poco;

4) per quanto riguarda l’attacco il Farone è abbonato all’infermeria, Pazzini è sempre sul piede di partenza, Menez ha dei limiti esistenziali e Destro, unico vero centravanti, non riceve rifornimenti ideali.

In sintesi, tranne 7 giocatori che dovrebbero formare l’ossatura della squadra, gli altri 4 mandano in confusione Mrs Pippo che dimostra di non avere le idee chiare nonostante veda il gruppo 6 giorni su 7.

Tutti dicono che ha bisogno di tempo, ma se in 23 partite, a prescindere dall’infermeria, ancora non ha trovato la formazione ideale, non possiamo attendere 23 anni per risolvere il problema, anche perchè, vabbè confermare i giorcatori esperti, ma forse li troveremmo tutti al Pio Albergo Trivulzio.

Da sempre io dico largo ai giovani e adesso è arrivato il momento: “ORA O MAI PIU”, e comunque sia, sempre “FORZA MILAN”………………………

RIPRODUZIONE RISERVATA

 

624 Visite totali, 1 visite odierne

Commenti

commenti