Tag Archives: Calcio

Le pagelle di Shamrock – Milan 0-2: Si riparte da Ibra e Calha

ACM_Shamrock_Milan_Ibrahimovic_Calhanoglu_Gabbia

Massimo risultato con il minimo sforzo. Questa potrebbe essere la sintesi di Shamrock – Milan. La sfida la decidono i soliti Ibrahimovic e Calhanoglu.

4,135 Visite totali, 28 visite odierne

Voglia di Milan

ACM_Sandro Tonali

Si ricomincia. Si è ricominciato a San Siro con un’amichevole iconica che ha chiuso il moto circolare del tempo e del cuore, col Milan che doveva ritrovare il suo storico Presidente pigmalione Berlusconi con l’altrettanto storico amministratore Galliani, oggi gestori del Monza.

4,475 Visite totali, 62 visite odierne

QUELL’EPOPEA VINCENTE RIVISSUTA NEI GAGLIARDETTI

berlusconi-gagliardetti

La lunga epopea del Milan di Silvio Berlusconi, uno dei più vincenti presidenti della storia del calcio, le più grandi vittorie e le più brucianti sconfitte, rivivono, nella collezione privata di gagliardetti di Marco Cianfanelli.

5,427 Visite totali, 62 visite odierne

Le pagelle di Milan-Atalanta 1-1: Ad un Calha d’applausi risponde Zapata

ACM_Milan_Atalanta_Calhanoglu

Le due squadre più in forma del campionato si affrontano a San Siro. L’andata fu tragica per il Milan, mentre il ritorno ha mostrato un’altra squadra

13,463 Visite totali, 61 visite odierne

Quando il calcio ripartirà

Cerchi-olimpici-shutterstock.com_-oiw9cqk6xv7f8u5lwx5k527j7hp7flx6hvqrqqt81s

Non si vede ancora la fine del tunnel, anzi siamo nel pieno dell’emergenza sanitaria.

22,223 Visite totali, nessuna visita odierna

CONSIGLI PER GLI ACQUISTI – CODY GAKPO (PSV EINDHOVEN)

2741140-56644817-1600-900

Con 21 anni da compiere il 7 maggio prossimo, Cody Mathès Gakpo è un classe ‘99 nato ad Eindhoven, in Olanda, da genitori togolesi. Cresciuto calcisticamente nel florido settore giovanile del PSV, è un attaccante esterno dotato di tecnica e potenza.

20,902 Visite totali, nessuna visita odierna

CONSIGLI PER GLI ACQUISTI – LEVIN ÖZTUNALI (MAINZ)

Levin-Öztunali

24 anni da compiere il prossimo 15 marzo per Öztunali. Nipote del mitico Uwe Seeler, uno dei più prolifici attaccanti di ogni tempo. Levin è può giocare all’accorrenza da interno di centrocampo ma ha una predilezione per la fascia destra, dove abitualmente viene schierato. Sa calciare con entrambi i piedi, seppur sia un destro naturale. Ha giocato nelle nazionali giovanili tedesche iniziando dalla under 15, passando per under 16 e under 17. Decisivo per la conquista degli europei under 19 in Ungheria nel 2014 e per gli europei under 21 nel 2017 in Polonia. Cresciuto nelle giovanili dell’Amburgo fu acquistato dal Bayer Leverkusen nel 2013 e poi girato in prestito al Werder Brema per una stagione e mezza. Al Mainz ha trovato la maturazione dopo il trasferimento nel 2016. La stagione 16/17 è finora la sua migliore in Bundesliga con 5 gol e 6 assist in 30 partite. Superati i problemi alla caviglia e al polpaccio che ne hanno condizionato la stagione 18/19 è tornato quest’anno a confermare il suo talento. 3 gol e 4 assist in 16 partite finora nella Bundesliga 19/20. Rappresentato da Thies Bliemeister, non che da suo padre Mete Öztunali, Levin ha un contratto col Mainz che scadrà nel 2021 e una quotazione di mercato intorno ai 5 milioni di euro.

3,090 Visite totali, nessuna visita odierna

CONSIGLI PER GLI ACQUISTI : YARI VERSCHAEREN (ANDERLECHT)

B9718756548Z.1_20190301183223_000+G6TD39BJP.1-0

19 anni da compiere il prossimo luglio per una delle poche note positive della peggior partenza di stagione che l’Anderlecht(attualmente quarto) sta vivendo da oltre 20 anni. Yari è uno dei migliori prodotti dell’infinito settore giovanile belga. Fantasista di 1,72 m, piede destro e ottimi fondamentali. All’occorrenza trequartista o esterno d’attacco. Viene già paragonato ad Eden Hazard. Yari ha bruciato velocemente le tappe di una carriera da predestinato. Dalla nazionale under 16 al debutto nella nazionale maggiore belga, datato 9 settembre 2019, in meno di un anno e mezzo. Con la maglia dei “diavoli rossi belgi” vanta 3 presenze e un gol. Ha al suo attivo 42 presenze e 4 gol da professionista con squadre di club, anzi un solo club, l’Anderlecht, società in cui è nato calcisticamente. Finora, nella stagione attuale 2 gol in 19 partite ufficiali. Il suo contratto scade nel 2022 e la sua attuale valutazione d mercato si aggira sui 25 milioni. E’ assistito da Rob Jansen e della Wassermann e ci sarebbe già la fila per accaparrarsi quello che ha tutto per essere un crack di mercato.

3,106 Visite totali, nessuna visita odierna

CONSIGLI PER GLI ACQUISTI : LADISLAV “LACO” TAKACS (SLAVIA PRAGA)

Ladislav_Takacs_Dortmund

3,005 Visite totali, nessuna visita odierna

Le pagelle di Brescia-Milan 0-1: Quanta sofferenza

ACM_Rebic_BresciaMilan

Il Milan soffre e non poco in quel di Brescia. Tre punti d’oro che servono per guardare la classifica con meno ansia, ma è evidente di quanto i rossoneri siano convalescenti ed abbiano bisogno di più di un intervento sul mercato.

7,193 Visite totali, 1 visite odierne

CONSIGLI PER GLI ACQUISTI : VIKTOR KOVALENKO (SHAKTHAR DONETSK)

viktor-kovalenko_28052-780x405

24 anni da compiere il prossimo 14 febbraio, nel giorno di San Valentino, Viktor è un prodotto del vivaio dello Shakhtar. Trequartista ma all’occorrenza interno di centrocampo. Piede preferito il destro, ha giocato nelle varie nazionali giovanili facendo tutta la trafila iniziando dalla under 16.

3,747 Visite totali, nessuna visita odierna

ELLIOTT, IL LILLE E IL MILAN

afeec157cc3a4d408ccb82264cbbd6c11200x630

Troppo spesso, ho sentito parlare della presenza di Elliott nel mondo del calcio in modo surreale. Tanti, forse troppi, purtroppo, utilizzando il sistema mediatico, che tutt’ora ha maggiore impatto sugli utenti in Italia, cioè la TV. Naturalmente fiumi di parole insensate si sono riversate anche su carta stampata, web e radio. Troppo spesso ho sentito utilizzare le frasi “proprietà inesperta” o “gioco del calcio sconosciuto alla proprietà” per giustificare i pessimi risultati del Milan e scelte discutibili di mercato e dirigenziali, nel tentativo di nascondere sotto il tappeto, come polvere, quel “bipolarismo” e quella faida interna fra correnti contrapposte che dal luglio 2018 condizionano negativamente l’ambiente. Eppure, proprio nel 2018, Elliott aveva iniziato a dettare la linea del Lille per la rinegoziazione del debito fino a salvarlo dal fallimento, prendendone il controllo e imponendo Luis Campos a capo del mercato e delle scelte dell’area tecnica, puntando sulle indubbie qualità manageriali del portoghese. Luis Campos che fu protagonista della rinascita del Monaco, che arrivò al titolo di Francia soffiato agli sceicchi del PSG e che arrivò fino alle semifinali della Champions League 2017. Proprio indicando il Lille come esempio da seguire a modello gestionale, mi chiedevo come mai sparisse dai radar dell’informazione italiana, senza venir mai accostato a Elliott, attribuendo da parte mia, il tutto ad un preciso disegno. Le parole di quest’oggi di Gerard Lopez, intervistato dal Financial Times, andrebbero lette e analizzate, soggette ad un dibattito approfondito. Non tanto sulla volontà da parte della Elliott Management Corporation di vendere il Milan, cosa che fu detta a chiare lettere all’assemblea soci 12 mesi fa, stimando entro un quinquennio il tempo utile a risanamento e cessione, semmai sulle dinamiche delle nomine fatte in chiave dirigenziale e su alcuni proclami fatti da Paolo Scaroni dopo la nomina alla presidenza del club rossonero, subentrando dal Cda della gestione di Yongong e Han Li, prima dell’insediamento dell’amministratore delegato Ivan Gazidis, datato 5 dicembre 2018. Proclami che hanno portato eccessivo entusiasmo e confusione nella tifoseria, soprattutto in assenza di una comunicazione efficace. Proclami alimentati anche da certa stampa, probabilmente doppiogiochista, nonchè dalla consueta “propaganda”.
Di seguito le parole di Gerard Lopez al Financial Times :
“Elliott ha finanziato il Milan per venderlo successivamente a una terza parte. Invece ha finanziato il Lille per iniziare un programma di investimento nei giocatori, creando valore, vendendone alcuni, ma tenendone altri, per far crescere il Lille, credendo nella bontà del modello di business francese. Il Lille ha realizzato un guadagno netto dai trasferimenti di 200 milioni negli ultimi due anni. Se non siamo i più bravi al mondo, siamo nei primi 4-5 club”.
Fu proprio la bontà del progetto francese e la sorprendente qualificazione alla Champions League 2019-20 a dissuadere la proprietà, dopo circa un mese di trattative serrate, a cavallo fra aprile  e maggio 2019, dal nominare Luis Campos a capo dell’area tecnica del Milan.
Lille, che tra l’altro, è in corsa per ripetere quest’anno l’exploit della stagione 18-19. Questo, nonostante lo smantellamento del reparto d’attacco e la cessione di Pepè e di Rafael Leao e proprio l’ipervalutazione di Leao, venduto guarda caso al Milan, per 30 milioni+Djalo e di una cospicua percentuale sulla futura rivendita, ha permesso al Lille di acquistare a metà del prezzo di cessione del portoghese, il nigeriano Victor Osimhen(14 gol in 26 partite ufficiali quest’anno) dal Wolfsburg, giocatore segnalato nel gennaio 2019 da Moncada(ex collaboratore di Campos al Monaco) ai responsabili di mercato del club di via Aldo Rossi. Coincidenze?

4,094 Visite totali, nessuna visita odierna