Albertini: “Bisogna ripartire dal basso, con una gestione attenta”

Demetrio Albertini, in una immagine del 05 agosto 2010 a Roma. ''Le dichiarazioni di Albertini sono un po' stonate, perche' mi sembrano in chiaro conflitto di interessi''. Il presidente della Lega, Maurizio Beretta, si dice irritato per l'intervento di Albertini sul rinnovo del contratto dei giocatori. ANSA/ROBERTO TEDESCHI

Finito il sorteggio per il completamento del calendario della prossima stagione di Serie A, i due candidati alla presidenza della FIGC Carlo Tavecchio e Demetrio Albertini hanno illustrato i loro programmi ai microfoni di Sky.

Ecco cosa ha detto l’ex centrocampista del Milan: “Mi sembrava giusto mettere a disposizione la mia esperienza nazionale e internazionale – ha chiosato il vicepresidente della FIGC -. Sono stato penalizzato a causa del mio passato da ex calciatore. Volevo aiutare il mio mondo e l’ho fatto. Ho avuto in questi anni modo di prendere confidenza con la gestione delle istituzioni”.

“Per far sì che possiamo avere in un futuro una rinascita collettiva, dobbiamo permettere un rilancio a partire dalle categorie inferiori. Dobbiamo guardare quello che hanno realizzato gli altri paesi e chiederci cosa vogliamo essere. Serie A ridotta e grande Serie B? No, la Lega Pro è una realtà straordinaria. Serve una gestione attenta del dilettantismo e del professionismo”.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA

FOTO: pagineromaniste.com

516 Visite totali, 1 visite odierne

Commenti

commenti