MILAN-PARMA 3-1: LE PAGELLE

mila2_23151_immagine_ts673_400

MILAN-PARMA 3-1 (17′ Menez su rigore, 24′ Nocerino, 57′ Menez, 76′ Zaccardo): LE PAGELLE ROSSONERE

Diego Lopez 6- Nulla può sul tiro ravvicinato in mischia di Nocerino. Per il resto è attento e questo Parma non lo costringe certo a fare gli straordinari.

Zaccardo 6,5- L’uomo che non ti aspetti. Rigore procurato, con il suo tentativo di sponda che sbatte sul braccio del Cebolla Rodríguez, più rete del 3-1 che chiude la partita. Professionista silenzioso che stasera ha avuto la sua piccola rivincita dopo tante critiche.

Rami 6- Partita senza particolari acuti ma neanche senza sbavature degne di nota. Con Alex limita gli attacchi parmensi.

Alex 6- Oggi era pure capitano. Movimenti ed interventi efficaci ad arginare le sortite offensive della squadra di Donadoni.

Bocchetti 6- Esordio sufficiente per il nuovo acquisto rossonero proveniente dalla Russia. Lavora bene in copertura e anche qualche sortita offensiva.

Van Ginkel 5,5- Da Londra si diceva che sapeva fare tutte e due le fasi. A Milano invece quando ha la palla fa fatica a smistarla correttamente. In fase di non possesso non fa male ma si fa ammonire ed Inzaghi decide di sostituirlo dopo l’intervallo.

Essien (dal 46′) 6- Tappa le ripartenze del Parma e cerca addirittura qualche giocata di qualità. Una volta esagera quando rischia il dribbling in mezzo a quattro scatenando il contropiede degli avversari, per fortuna senza conseguenze.

Poli 6- Primo tempo bruttino, anche perché il gol di Nocerino è colpa sua. Poi cresce notevolmente nella ripresa per corsa e quantità meritandosi la sufficienza.

Honda 6- Lavoro sporco in fase di non possesso e cerca di dare qualità per rifornire l’attacco rossonero. Qualche suggerimento interessante che crea superiorità numerica, soprattutto nel secondo tempo.

Destro 6- Neanche il tempo di arrivare ed è subito nella mischia. Da profondità alla squadra e fa tanto movimento. Menez e Cerci però peccano un po’ di egoismo nei suoi confronti.

Muntari (dal 73′) 6- Entra sul 2-1 per alzare il muro lì a centrocampo. Poi arriva il gol di Zaccardo e la partita è chiusa.

Cerci 7- Oggi ha messo il turbo. Nel secondo tempo è quello che fa cambiare marcia al Milan assieme a Menez. Accelerazioni, l’assist per il 2-1 e tanti spunti sulla fascia destra.

Menez 7,5- Incostante, egoista a volte, ma quando è in serata fa la differenza. Nel secondo tempo cambia letteralmente marcia ed è incontenibile. 2 gol, un assist, 12 gol in campionato in 21 partite. Se fosse costantemente su questi livelli e se giocasse un po’ di più con i compagni il Milan avrebbe tanti punti in più.

Pazzini (dal 81′) S.V.

All. Inzaghi 6- La squadra ha faticato molto durante la prima frazione. Meglio nella ripresa soprattutto grazie alle individualità di Menez e Cerci. Il bel gioco è ancora lontano ma dai tre punti di stasera si può certamente ripartire. Bravo anche a cambiare più volte fisionomia alla squadra nel corso della gara: si è partiti col 4-4-2 e dopo il 2-1 si è passati al 4-3-3 con Honda spostato vicino ad Essien. Poi ridisegna bene i suoi con i cambi nell’ultima parte di gara.

RIPRODUZIONE RISERVATA

FOTO PEGASO

 

324 Visite totali, 1 visite odierne

Commenti

commenti