Le pagelle di Milan-Juve: un sogno durato 110’

Lapresse_Bacca

Ecco le temibili pagelle di Milanorossonera.it, oggi Milan-Juventus, la finale di Coppa Italia. La squadra allenata da Christian Brocchi disputa una delle migliore prestazioni della stagione, ma purtroppo non serve per portare a casa un trofeo che manca ormai da troppi anni in casa rossonera. 

Donnarumma 7: Alla prima vera occasione juventina lui si supera e tiene il Milan a galla. Il baby fenomeno oggi è Super!

Calabria 6:  Entra in maniera sciagurata su Pogba nei minuti iniziali del primo tempo e francamente il suo intervento era da sanzionare con il penalty. Con il passare dei minuti si riprende la fascia destra ed è sempre molto preciso in fase di anticipo, quando spinge fa paura ma in fase di cross troppe volte risulta impreciso.

Zapata 6,5: Oggi si è trasformato nel leader che spesso viene ammirato in Nazionale. E’ sicuro su ogni pallone e di conseguenza tutto il reparto lo segue con fiducia 

Romagnoli 6,5: Il centrale è un giocatore atipico, non sembra essere in campo poi ti accorgi che non ha mai sbagliato un intervento. 

De Sciglio 7: Un De Sciglio che non ti aspetti, probabilmente così non lo abbiamo mai visto. Corre ed è sempre preciso, è vero, forse doveva osare di più in fase offensiva, ma in quella difensiva è stato una certezza assoluta.

Kucka 6,5: Il numero 27 oggi è un vero e proprio carrarmato di centrocampo. Da tantissima quantità ma spesso negli ultimi 25 metri gli manca la qualità. Prezioso!

Balotelli s.v.: Entra nel finale a partita ormai compromessa…non incide

Montolivo 6,5: Ok, nessuno lo vuole più, ma oggi il capitano del Milan sfodera una prestazione che non ti aspetti. Grinta e voglia di leadership. 

Josè Mauri s.v.: Entra nel secondo tempo supplementare e non incide

Poli 6: Il buon Andrea è un motorino di centrocampo, recupera e corre come un “dannato”, non avrà qualità, ma sicuramente l’impegno non gli manca…oggi il suo spirito ha ricordato il suo allenatore Brocchi.

Niang 5,5: M’Baye Niang non entra con il piglio giusto e si guadagna un’ammonizione più che evitabile.

Honda 6,5: Il giapponese è un recupera palloni prestato all’attacco. Corre ed insegue sempre chi passa nella sua zona, quando deve dare qualità all’attacco lo fa e con grande intelligenza. Obiettivamente il giapponese è uno dei pochi che meriterebbe la conferma in vista del prossimo anno.

Bacca 5,5: Non è quasi mai incisivo e non ha mai un’occasione da gol.

Bonaventura 7: E’ il migliore del Milan, cerca di dare vivacità a tutta la manovra rossonera. A volte risulterà anche confusionario, ma in questo mediocre Milan fa la differenza. 

Allenatore Christian Brocchi 7: E’ la migliore prestazione da quando si è seduto sulla scottante panchina rossonera. L’ex Primavera oggi dimostra di potersi accomodare in Serie A, Christian ha preparato la partita sorprendo tutti gli addetti ai lavori. Comunque il voto andrebbe condiviso con Sinisa Mihajlovic.

RIPRODUZIONE RISERVATA

FOTO ZIMBIO.COM

1,261 Visite totali, 1 visite odierne

Commenti

commenti