Thiago Silva: “Non sarei mai andato via dal Milan, ma qui posso vincere. Miglior allenatore? Guardiola”

MILANNIGHT.COM_Thiago Silva

L’ex difensore centrale del Milan, Thiago Silva, è stato intervistato da Sky nella trasmissione “I Signori del calcio”.

Tra i tanti temi toccati, rispunta ancora una volta il fatidico addio tra lui ed il club di Silvio Berlusconi spiegando che: “Ai tempi del mio passaggio al Paris non volevo lasciare il Milan, anzi avrei voluto restare per tutta la carriera. Avevo parlato prima con Galliani e poi col mio procuratore e avevo detto loro che volevo restare. Da quando sono arrivato al Milan non ho mai pensato di andare via. Volevo fare tutta la mia carriera là, però sappiamo che il calcio è così ed è difficile pensare al futuro. Bisogna pensare giorno dopo giorno. In quel momento della trattativa col Psg, mi ha chiamato Leonardo e mi ha convinto che sarei potuto venire a Parigi e vincere, era il mio sogno giocare in una grande squadra con grandi giocatori e vincere grandi trofei“.

Sul Milan di oggi: “Mi spiace tantissimo per questo momento che sta vivendo il Milan, però è fondamentale avere in squadra grandi campioni e adesso nel Milan ce ne sono pochi, sono giocatori di personalità che sicuramente possono fare sempre di più. In questo momento secondo me non stanno facendo nemmeno la metà di quello che possono fare. Se giocano con la maglia del Milan vuol dire che hanno la qualità per stare là, però non conosco esattamente le cause di questa stagione difficile. Forse mancano un po’ di soldi, non solo al Milan, ma in tutta Europa. Il Milan resta una squadra da campioni e sicuramente l’anno prossimo cambierà tantissimo. Speriamo che possano cambiare da subito perché il Milan deve vincere qualcosa, non è una squadra che può stare fuori dalla Champions League“.

Sul tecnico olandese: “Può diventare il più forte allenatore al mondo, ha le qualità, conosce bene il calcio e soprattutto è una grande persona. Però, in questo momento difficile che sta vivendo il Milan, non so esattamente quali siano i problemi interni. Secondo me non tutti i giocatori vanno d’accordo con lui. Questo lo vedo da lontano, non lo dico perché sento qualche giocatore in particolare. Io vedo il Milan giocare e sono sicuro che ci sono problemi interni. Non so se i giocatori hanno problemi con lui, con Galliani o con Berlusconi, però il Milan ha un grande problema fuori dal campo. Dentro al campo è un’altra cosa“.

Infine c’è tempo per parlare anche dell’allenatore preferito dal brasiliano: “Ora un allenatore con cui mi piacerebbe lavorare è Guardiola, perché ha un grande stile di gioco, mi piace tantissimo e soprattutto perché parla sempre bene di me. Ho visto tante interviste sue e ha detto tante cose buone di me. E’ un allenatore che ha vinto tanto, è giovane e può fare ancora benissimo e mi piacerebbe lavorare con lui qui al PSG però in questo momento c’è Blanc che sta facendo benissimo. Secondo me Blanc ha fatto meglio di Ancelotti l’anno scorso perché ha trovato una maniera giusta di giocare“.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA

FOTO: milannight.com

 

483 Visite totali, 1 visite odierne

Commenti

commenti