Milan: da Leo a Leo

Fabio-Conte

I primi ad accorgersi che l’arrivo di Cristiano Ronaldo fa bene al calcio italiano saranno i milanisti. L’arrivo del portoghese ha infatti messo la società bianconera nella necessità di calmierare un acquisto di sicuro impatto ma che, se non ben compensato nel bilancio, potrebbe risultare incongruo agli occhi del Fair Play finanziario dell’Uefa.

La gestione della Juventus, sagacemente condotta dall’a.d. Beppe Marotta, sa quanto sia meglio prevenire che inseguire e quindi i guadagni superiori a venti di milioni che ricaverà per la cessione di Caldara, garantiranno ai bianconeri una forte plusvalenza. La stessa elevata valutazione di Leonardo Bonucci permetterà al Milan di presentarsi all’Uefa, che dovrà riconsiderare la sanzione per il disavanzo di anni fa, con un’importante uscita in positivo per il giocatore più pagato la scorsa stagione e il forte ingaggio risparmiato sarà girato a un top player in cerca di rivalsa come Gonzalo Higuain, miglior realizzatore degli ultimi campionati. Un incrocio di mercato che entrerà nella storia. Tutti felici quindi: il Milan perché potrà presentare la difesa del futuro e un attacco finalmente non bulimico, mentre la Juve ritroverà il suo storico centrale subito pronto per la rincorsa all’ossessione Champions.

Tutti felici tranne i tifosi juventini che non gradiscono il ritorno di chi solo un anno fa se n’è andato a cercar fortuna, senza per altro scalfire la solita striscia vincente italiana dei bianconeri, non capiscono la cessione di un forte giovane come Caldara che si erano abituati ad aspettare seguendolo nell’Atalanta e non comprendono la cessione di Gonzalo Higuain, strappato al Napoli solo due anni fa, a una rivale storica anche se un po’ decaduta. Solo lo scintillante arrivo di CR7 può distrarre i supporter bianconeri e attutire le perplessità per un affare che, al contrario, elettrizza i tifosi rossoneri che sembrano accompagnare alla porta Leo giocatore con la giusta indifferenza, un capitano mai entrato nei cuori, che aveva illuso solo alcuni al suo arrivo e disilluso molti in campo.

Il Leo dirigente invece, orchestrando questo affare e mettendo qualche altro tassello, sarà prontamente perdonato per i suoi trascorsi interisti che, ricordiamolo, nacquero dalle esternazioni reiterate da parte di Berlusconi, quando allenava i rossoneri. Ma lui è nato, come dirigente, nel Milan. Lo ha fatto in sordina ma con buoni ed encomiabili risultati per tanti anni, gestendo la Fondazione Milan e segnalando fior di campioni. Poi è stato dirottato in panchina da Galliani per sostituire Ancelotti: un anno al Milan e sei mesi nell’Inter come allenatore possono aver solo migliorato le sue conoscenze di tutti gli aspetti calcistici, tattici e di gestione del gruppo, e dalle reazioni dei milanisti a tutti i livelli, dai risentimenti scatenati avrà percepito e capito quali fossero la stima e l’affetto nei suoi confronti prima di attraversare il naviglio. Quando poi è approdato come direttore sportivo al PSG di Al-Khelaifi, ha messo le basi e creato la struttura dello squadrone francese diventando uno dei più apprezzati direttori sportivi. Negli ultimi anni si è preso una pausa andando a commentare per Sky l’Europa League, cosa che gli avrà permesso di acquisire nozioni su giocatori, magari non ancora al top ma con margini di crescita, e anche di conoscere ogni aspetto del torneo che può, anzi deve, far gola al Milan di Elliott, una coppa che darebbe prestigio e aprirebbe un nuovo corso. Leonardo tornato al Milan è quindi un uomo, una persona, un dirigente maturo, consapevole, esperto e ambizioso, ed è il miglior acquisto a livello dirigenziale e di organizzazione da cui si potesse iniziare. Se alla trattativa dell’anno appena conclusa si aggiungeranno un paio di altri inserimenti mirati, e se l’organizzazione societaria sarà portata avanti con serietà scegliendo, anche con calma, i tasselli giusti e appassionati di Milan per cementarne la struttura, anche sul campo si torneranno a percorrere vie ormai dimenticate. Le premesse ci sono.

RIPRODUZIONE RISERVATA

14,467 Visite totali, 1 visite odierne

Commenti

commenti