Le pagelle di Lazio-Milan C.I. 4-5 (d.c.r.): E’ finale!

ACM_DONNARUMMA

Non bastano i centottanta minuti per decidere chi volerà in finale a sfidare la Juventus, Lazio-Milan ha bisogno dei supplementari e dei calci di rigori.

Donnarumma 7.5: Dopo una manciata di minuti è strepitoso sulla spizzata di Ciro Immobile e pochi secondi dopo si ripete su Milinkovic-Savic. È strepitoso in altre occasioni e di fatto è il migliore in campo.

Calabria 6.5: Soffre tanto Lulic, ma in qualche modo lo ha contenuto, va vicinissimo al suo secondo gol in carriera, ma questa volta Strakoscha gli nega la gioia. Ingiustamente ammonito per un fantomatico fallo su Ciro Immobile.

Bonuccci 7: Gioca bene, è ruvido e concreto quando c’è da allontanare il pallone dalla sua area di rigore, quando può imposta con la sua consueta eleganza

Romagnoli 7.5: Stoico, gioca quasi tutta la partita con una vistosa fasciatura alla coscia destra per una profonda ferita, poi nell’apertura del secondo tempo supplementare un intervento in scivolata che per un istante ricorda un altro grande giocatore che indossava la sua stessa maglia

Ricardo Rodriguez 6: Nella prima parte di partita è timido e commette anche qualche errore in fase di disimpegno, poi nella seconda parte cresce e non poco, nel finale diventa l’uomo in più, tiene palla, dribbla ed è l’uomo in più anche in fase offensiva

Kessie 6.5: Lotta e da quantità al centrocampo, peccato per quell’ammonizione evitabile, per il resto è l’anima della squadra.

Montolivo 5: Entra nel primo tempo supplementare e lo si nota per il rigore sbagliato

Biglia 6: Prestazione diligente contro la sua ex squadra, lui lotta e cerca di dare ordine e spegnere le fiamme in uno stadio infuocato

Bonaventura 6: La sua prestazione è sufficiente, ma in troppe occasioni non gioca di prima il pallone rallentando di fatto la manovra offensiva. Peccato!

Suso 5: Una bellissima azione nel primo tempo che porta i rossoneri vicini al gol del vantaggio, poi sparisce e non riesce mai a accendere la luce. Peccato, questa poteva e doveva essere la sua serata!

Borini 6: Entra, ma non incide, poi trasforma il calcio di rigore

Cutrone 5: Oggi non trova il gol, almeno un’occasione l’avrebbe anche avuta, ma perde il tempo nel calciare. Esce e fa piacere nel vedere la sua rabbia e l’attaccamento alla maglia

Kalinic 4: E’ il primo cambio di Gattuso, qualche buon movimento e nulla più. Troppo poco per l’attaccante che doveva essere il fiore all’occhiello della campagna acquisti 2017/18. Al 118′ sbaglia un gol a porta vuota! Kafkiano!

Calhanoglu 6.5: E’ l’uomo che abbina qualità e quantità, peccato che poi non trova quasi mai la giocata negli ultimi 20 metri.

Allenatore Gennaro Gattuso 7.5: E’ un indemoniato in panchina, probabilmente nella sua area tecnica ha percorso più chilometri lui di chi è in campo, raggiunge una finale con il cuore!

RIPRODUZIONE RISERVARTA

FOTO ACMILAN.COM

11,582 Visite totali, 1 visite odierne

Commenti

commenti